• gallery-image
  • gallery-image
  • gallery-image
  • gallery-image

Stimoli
al procedere
e al fare

Architetture
di Giuseppe
Davanzo

01/31–07

Villa dei Cedri
via Piva 89
Valdobbiadene

Il titolo prende spunto da uno scritto dello stesso Giuseppe Davanzo in cui racconta del processo creativo, delle sue emozioni e della necessità di registrarle per poter riprenderle dalla memoria quali "Stimoli al procedere e al fare".

La mostra di Valdobbiadene è pensata come episodio di una serie, come primo approfondimento di un ciclo espositivo itinerante con nuovi contributi ad ogni tappa. 

Intende essere un'occasione di studio su un metodo progettuale, uno stimolo per sviluppare ed accrescere la ricerca personale, una riflessione sul procedere e sul fare. 

L'esposizione fornirà una lettura "trasversale" della sua opera, seguendo un filo non solo temporale ma tematico, che evidenzi la capacità di esplorare, verificare e perseguire la "conquista del processo creativo e della forma". 

Particolare attenzione sarà rivolta alla sperimentazione sulla prefabbricazione e allo studio sulla potenzialità espressiva del calcestruzzo che, tra gli anni '60 e '70, lo porteranno alla progettazione di significative opere e all'aggiudicazione dei concorsi per il Foro Boario di Padova, il Palazzetto dello Sport di Vicenza, la Fiera di Vicenza, il Complesso per sport natatori a Treviso. 

Il contenuto mostrerà, attraverso una lente d'ingrandimento, il lavorare con i materiali, le tecniche e gli elementi della composizione, mettendo in luce l'appassionata e paziente ricerca e i suoi esiti. Immagini di dettaglio e di insieme analizzeranno lo studio per la definizione delle coperture, dei serramenti, delle finiture interne; illustreranno la composizione delle facciate e il loro rivestimento con materiali che, di volta in volta, ricercano nell'unitarietà le variazioni tonali, i giochi cromatici, la matericità, la modularità e il movimento.

La mostra è curata da Maria Antico e Martina Davanzo.